Consigli per gli acquisti: difensori centrali

Ecco altri 6 nomi interessanti. Il contratto di Ceccarelli con l’Entella scade a giugno

0 614

ceccarelli1Ricaricare le pile in vista della seconda parte di stagione. Questo l’obiettivo principale dello staff tecnico bianconero in questi primi giorni dell’anno. Alla squadra, dopo la splendida vittoria di Terni, sono stati concessi 9 giorni di riposo. Mister Aglietti tornerà a dirigere gli allenamenti lunedì prossimo 9 gennaio. E anche per noi tifosi questo periodo non può che essere benedetto in vista delle battaglie che ci attendono nel girone di ritorno dopo tante energie sprecate sia al Del Duca che fuori casa fino a venerdì scorso. E però qualcosa da seguire c’è. È il calciomercato che è partito ieri e si concluderà il 31 gennaio alle 23. Come due anni fa noi di Mondopicchio vi proponiamo durante queste feste una lista di giocatori, 6 per ruolo, che possono fare al caso dell’Ascoli.

Tutto è funzionale e rapportato alla situazione attuale del nostro club. Quindi budget, sistema di gioco, carta d’identità, ruoli scoperti, situazioni contrattuali, preferenze dell’allenatore e via dicendo. I ruoli che abbiamo scelto sono quello di terzino destro dove probabilmente Pecorini andrà via, un difensore centrale che possa dare il cambio in caso di necessità a Augustyn e Mengoni, un centrocampista centrale in grado di tessere il gioco soprattutto nelle partite casalinghe e una seconda punta rapida e veloce.

Dopo i terzini destri (Calapai, Mogos, Iacoponi, Belli, Salvi, Ciofani), la seconda “puntata” di consigli per gli acquisti riguarda un difensore centrale di piede destro (Mengoni e Gigliotti sono mancini) che possa prendere il posto in rosa di Cinaglia, poco considerato da Aglietti, col contratto in scadenza e sulla lista dei cedibili. Anche qui facciamo due nomi dalla Lega Pro. Andrea Ingegneri (24) forma col capitano Stefani la coppia di pilastri difensivi del Pordenone, secondo in classifica nel Girone B e in piena lotta per la promozione diretta in Serie B. Giocatore che fa della concentrazione e dell’abilità nei contrasti aerei i suoi punti di forza, già a quota 3 nella casella dei gol segnati nel girone d’andata. In estate ha firmato un biennale che lo lega ai neroverdi fino al giugno 2018. Le sue prestazioni sono state degne di nota tanto che è finito sul taccuino di diverse società di B. A precisa domanda, lunedì a un giornale friulano ha dichiarato di voler restare al Pordenone nonostante le richieste per completare il processo di crescita. Ma si sa, il mese di gennaio è lungo…

Di Alessandro Spanò (22) invece i tifosi ascolani si ricorderanno due stagioni fa per le tre partite giocate contro l’Ascoli con la maglia della Reggiana. E purtroppo anche il gol in pieno recupero al Del Duca nei play off  che portò la partita ai supplementari. Quella fu un’annata stepitosa per il difensore lombardo che si fece notare per un senso dell’anticipo, un’eleganza e una pulizia nei contrasti fuori dalla norma per un 20enne. Straordinaria come rendimento anche la passata stagione impreziosita anche da 6 gol, non pochi per un difensore centrale. In quella attuale invece sta vivendo di alti e bassi ma nell’ultima parte del campionato si è ripreso il posto da titolare indossando la fascia di capitano in 4 occasioni. Non altissimo ma dotato di uno stacco e una cattiveria agonistica notevole, è legato con i granata fino all’estate 2018. In passato è stato definito da qualche addetto ai lavori il miglior difensore della Lega Pro in prospettiva. Di certo chi lo prende fa un affare.

Il terzo consiglio è un profilo di esperienza che potrebbe anche accontentarsi inizialmente di fare panchina ad Augustyn e Mengoni per poi cercare di mettere in difficoltà Aglietti durante la settimana. Si tratta di Elia Legati (31 anni compiuti ieri) che dopo le esperienze in serie cadetta con Crotone, Padova e Carpi e una stagione di purgatorio in Lega Pro, dall’anno scorso fa parte del pacchetto arretrato della Pro Vercelli, diretta concorrente dell’Ascoli nella lotta per la salvezza. Il suo contratto con i piemontesi, prolungato lo scorso maggio, scade a giugno. Usato sicuro.

La vittoria dell’Ascoli venerdì sera al Liberati ha fatto sprofondare la Ternana nel caos. Una squadra in caduta libera e contestata pesantemente, una società sempre più latitante. E allora perché non fare un tentativo per Biagio Meccariello (25), dato come sicuro partente in questa sessione di mercato? Il difensore campano lo scorso febbraio ha rinnovato con le “fere” fino al 2018 ma nelle giornate conclusive del girone d’andata è stato impiegato a intermittenza da Benny Carbone. Nelle ultime due partite in casa della Ternana (Vicenza e Ascoli) è stato tenuto in panchina per tutti i 90 minuti. Al contrario nelle ultime due trasferte è sceso in campo dall’inizio con la fascia di capitano al braccio.

Infine due giocatori che, nel caso in cui venissero presi dal ds Giaretta, sicuramente verrebbero per giocare titolari. Li includiamo in questa lista perché tutti e due hanno il contratto con le rispettive squadre, Entella e Cittadella, in scadenza – incredibilmente – il 30 giugno 2017. Stiamo parlando di Luca Ceccarelli (33) e Filippo Scaglia (24). Il primo non ha bisogno di presentazioni e sarebbe un vero colpo da novanta. L’Ascoli lo aveva cercato anche in estate ma poi la trattativa non decollò per il netto diniego della società ligure. Se arrivasse, ne siamo certi, Aglietti sarebbe la persona più felice di questo mondo. Quest’anno ha già segnato 2 gol e continua a comandare la difesa con la consuetà personalità. Ad oggi è incedibile, verso la fine di gennaio chissà…

Scaglia, al pari di Ceccarelli, è uno dei migliori difensori per rendimento dell’attuale campionato di B. Colonna portante della difesa della squadra di Venturato, un gol al Verona e una stagione finora da incorniciare. Ancora giovanissimo, sempre titolare col “Citta” anche nelle ultime due stagioni, quella della retrocessione di due anni fa e quella della splendida cavalcata dello scorso anno culminata con la promozione. Sembra impensabile che possa muoversi però quel contratto così prossimo alla scadenza lascia pensare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *