SPECIALE ABBONAMENTI/2 – A Salerno tre mila tessere ma Lotito ne voleva molte di più

Lecce e Reggina sopra quota 2200 poi Benevento e Catanzaro

0 94
Il San Vito di Cosenza domenica scorso

Il San Vito di Cosenza domenica scorsa

Da nord a sud. L’approfondimento di Mondopicchio sugli abbonamenti negli stadi di Lega Pro continua oggi con il girone C, considerato un po’ da tutti gli addetti ai lavori come quello che racchiude le piazze più calde della terza serie.

In testa alla speciale classifica per numero di abbonati c’è la Salernitana con 2.950 tessere vendute per le partite casalinghe all’Arechi. Cifra che però non ha soddisfatto l’incontentabile patron Lotito. «Non va affatto bene – ha dichiarato – L’anno scorso erano 4 mila e passa e quest’anno non siamo nemmeno arrivati a 3 mila. Non sono soddisfatto perché abbiamo fatto degli sforzi importanti per allestire una squadra di altissimo profilo. Quanti ne volevo? Diciamo che a 5 mila abbonamenti si sarebbe cominciato a ragionare».

Subito dopo i granata campani c’è il Lecce della famiglia Tesoro. Nonostante le due sconfitte ai play off nelle ultime due stagioni la tifoseria giallorossa ha risposto ancora una volta presente facendo registrare 2.228 abbonamenti. Sul podio anche la Reggina che in estate ha risolto i problemi societari che stavano mettendo a rischio l’iscrizione al campionato. Una squadra totalmente rinnovata, con solo 5 punti all’attivo, ma che può contare su 2.213 tifosi sempre presenti anche se la tessera andava dai 60 euro per chi confermava l’abbonamento della scorsa stagione agli 85 per i nuovi abbonati.

Seguono altre piazze calde. Il Benevento (1.770), attuale capolista in coabitazione con la Salernitana e con rinnovate ambizioni di vertice, il Catanzaro con 1.760 nonostante i prezzi più alti di tutto il girone C e il Messina di Lo Monaco (1.749) che però ha fatto registrare un avvio di campionato disastroso. Seguono due pugliesi e una lucana: il Foggia di mister De Zerbi con 1400 abbonamenti, il Matera dell’ambizioso presidente Columella (1200 ma con prezzi molto contenuti) e il Barletta, ampiamente sopra quota 1000. Tra le prime 10 anche il Martina, 790 abbonamenti venduti.

Si è fermata a 702 abbonamenti la Casertana che torna a disputare un campionato di terza serie dopo 20 anni dall’ultima partecipazione risalente alla stagione 1992-1993. Dietro ci sono Ischia, Melfi e Juve Stabia (solo 378 abbonati per le vespe) mentre è singolare il dato del Cosenza. La società calabrese a fine agosto aveva pubblicato un bel video promozionale per promuovere la campagna abbonamenti nell’anno del centenario ma la riposta dei tifosi è stata debole: solo 320 tessere. Evidentemente i “lupi” preferiscono fare il biglietto. Domenica scorsa nel derby col Catanzaro il San Vito presentava un colpo d’occhio eccezionale: 10 mila spettatori.

Nelle ultime posizioni si attestano invece Paganese, Savoia, Vigor Lamezia e Aversa Normanna mentre la Lupa Roma non ha ancora concluso la sua campagna abbonamenti e pertanto non è stato possibile avere il dato ufficiale. Una curiosità nella società laziale: il responsabile del marketing e della comunicazione è l’ascolano Davide Nazzari, da sempre tifoso del Picchio.

GIRONE C

Numero abbonati
Salernitana 2.950
Lecce 2.228
Reggina 2.213
Benevento 1.770
Catanzaro 1.760
Messina 1.749
Foggia 1.400
Matera 1.210
Barletta 1.144
Martina 790
Casertana 702
Ischia 511
Melfi 500
Juve Stabia 378
Cosenza 320
Paganese 256
Savoia 250
Vigor Lamezia 220
Aversa Normanna 100
Lupa Roma non disponibile

Prezzi settore più popolare
Catanzaro 196-210
Benevento 100-150
Foggia 150
Lupa Roma 150*
Casertana 130
Messina 130
Salernitana 130
Cosenza 120
Vigor Lamezia 120
Lecce 85-105
Barletta 100
Ischia 100
Juve Stabia 100
Melfi 100
Paganese 100
Savoia 90
Reggina 60-85
Matera 75
Martina Franca 60
Aversa Normanna non disponibile

* settore unico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *