Presentato Cipriani: «Qui per ripartire, Ascoli piazza prestigiosa»

Il nuovo attaccante arriva per rilanciarsi

0 69

ciprianiUno come lui serviva come il pane. Arrivato in città giovedì scorso, da domenica Giacomo Cipriani è un giocatore dell’Ascoli e questa mattina è stato presentato ufficialmente alla stampa nella sede di Corso Vittorio Emanuele.

TASSELLO MANCANTE – Tesserato per ora fino al 30 giugno 2014, il centravanti bolognese potrebbe essere a disposizione di mister Flavio Destro già venerdì al Via del Mare nell’anticipo contro il Lecce di Lerda. Cipriani va a riempire un vuoto, quello dell’attaccante centrale, provocato dagli addìi prima di Vegnaduzzo e poi di Malatesta e che la curatela fallimentare non aveva potuto colmare. In realtà era già arrivato Topouzis dalla Salernitana ma l’attaccante greco non aveva dimostrato nelle prime partite di poter ambire a un posto da titolare tanto che Destro nella partita col Catanzaro lo aveva fatto partire dalla panchina.

ALTERNATIVA IMPORTANTE – Il primo ad essere contento del suo arrivo è ovviamente il mister: «Le qualità del ragazzo – ha detto Destro – le conoscono tutti, ha avuto qualche problema in passato ma è un giocatore che sicuramente ha delle caratteristiche importanti. Ci sarà utilissimo anche perché siamo una squadra non altissima. Lui ci darà la possibilità di giocare anche in un altro modo. Fisicamente sta bene, chiaramente ci vorrà un po’ di tempo per arrivare al top ma sono sicuro che ci darà una grossa mano sia in campo che fuori».

GLI INFORTUNI UNA COSTANTE – Cipriani è il classico centravanti d’area, 190 centimetri per 92 chilogrammi, e dopo un avvio di carriera brillante ha ben presto dovuto rinunciare ai sogni gloria a causa di parecchi infortuni. Ha vestito le maglie di Bologna, Lecce, Piacenza, Sampdoria, Avellino, Rimini, Spal mentre l’ultima sua esperienza è stata col Benevento. In estate per divergenze con la società ha rinunciato all’ultimo anno di contratto e ora a 33 anni si rimette in gioco con l’Ascoli.

RITMO GARA DA RITROVARE – «Sono qui per ripartire – ha annunciato – la mia speranzia è quella di rimanere anche l’anno prossimo. La società sta nascendo adesso e ha già fatto vedere di voler costruire qualcosa di importante. Starà a me in campo convicerli, è una scommessa della società che crede in me. Ma è una scommessa anche mia. Sono un po’ indietro a livello di condizione, non gioco da 8 mesi, mi manca soprattuto il ritmo partita. Mi butto in questa nuova avventura con grande entusiasmo, voglia e determinazione per raggiungerlo quanto prima».

ASCOLI GRANDE PIAZZA – Cipriani ha parlato anche del suo passato tormentato dalla sfortuna: «Col tempo ho imparato ad essere umile, a 20 anni giocavo con l’Under 21 e in palcoscenici importanti. Poi sono dovuto rimanere fermo due anni e da un punto di vista caratteriale ti crolla il mondo addosso. Ho cercato di guardare il lato positivo altrimenti avrei già smesso». La chiusura è dedicato alla tifoseria. Cipriani ha già capito che cosa lo attende: «Spero di trovare un grande ambiente e di dare tanto. Ascoli non ha niente da invidiare a piazze come Bologna o Sampdoria». L’ultima parola la darà il campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *