Calciomercato, si apre il sipario

Oggi al via la sessione estiva. Tanto lavoro dietro le quinte per un Ascoli ambizioso

0 800

Foto Ascoli Calcio 1898 fc

Apre ufficialmente oggi, lunedì 1° luglio, la sessione estiva di calciomercato che si protrarrà fino al prossimo 2 settembre. In casa Ascoli ancora niente ufficializzazioni, eppure dietro le quinte il ds Antonio Tesoro lavora alacremente. L’ambizione del patron Pulcinelli si sposa con quella del nuovo mister Paolo Zanetti, esordiente in serie B con un pieno di grandi motivazioni.
Vediamo una panoramica della situazione.

 

PORTIERI
Con la conferma di Lanni e il rientro di Fulignati dal prestito alla Spal, occorre individuare il terzo che sarà un under. Svincolati Bacci e Scevola, torna Venditti dopo il trasferimento temporaneo alla Juve Stabia.

 

DIFESA
Brosco sarà il perno, affiancato presumibilmente da Valentini, rivelatosi un autentico leader dello spogliatoio nel delicato momento post Lecce. L’opzione prevista non è stata esercitata a causa di obiettivi individuali non concretizzati, ma la volontà delle parti è quella di continuare insieme e la trattativa è ormai in dirittura d’arrivo.
La società vuole valorizzare Quaranta, mentre è in bilico la posizione di Padella che ha mercato sia in B che in C. Potrebbe arrivare un giovane (forse in prestito) a completare il pacchetto dei centrali. Suggestivo ma difficilmente realizzabile il ritorno di Bellusci, prossimo allo svincolo dopo la mancata iscrizione del Palermo. Peppe ha lanciato dei segnali ed è disposto anche a ridursi sensibilmente lo stipendio, ma la società sembra orientata a dirottare robusti investimenti in altri reparti, cercando anche di non provocare squilibri nella ripartizione degli ingaggi.
A destra certo di rimanere è Andreoni, molto probabile anche il prolungamento di Laverone. Sull’out mancino c’è D’Elia, l’alternativa dovrebbe essere un under. Non esercitato il riscatto su Rubin, anche per la volontà del giocatore di avvicinarsi a casa.

 

CENTROCAMPO
E’ il reparto da rifondare completamente visto che attualmente come potenziale titolare c’è soltanto Cavion. Si cercano due mezzali brave negli inserimenti, in modo da accrescere la prolificità della squadra.
Petrucci è praticamente il primo volto nuovo: si attende l’ufficialità entro qualche giorno, nell’attesa di perfezionare l’iter burocratico.
Avanzata la trattativa con Piccinocchi, ma non ancora chiusa definitivamente.
Dopo un serrato confronto in società, si prospetta difficile il rinnovo di Troiano.
Per Omeonga si cercano di sfruttare i buoni uffici con il Genoa, anche se è forte il pressing del Verona sul giocatore belga.
Il brasiliano Paulinho si allena coi bianconeri dallo scorso febbraio, eppure non è ancora chiaro se i problemi burocratici legati al suo tesseramento senza dover pagare (alti) indennizzi in Sudamerica siano del tutto superati. Si sta cercando di fare luce su normative in continua evoluzione.

 

ATTACCO
Ardemagni è il punto fermo, Ninkovic la chiave di volta. Dall’eventuale cessione del serbo dipenderà sia il modulo tattico (4-3-1-2 oppure 4-3-3) che la campagna acquisti bianconera. Già rifiutate offerte pervenute attorno a 3 milioni di euro, la società si siederà a trattare da 5 milioni in sù, anche perché una percentuale sulla futura rivendita spetterebbe al Genoa. Difficile che simili cifre siano garantite da club italiani, più abbordabile la pista estera.
Ganz e Ngombo non rientrano nei piani tecnici, ancora da definire la situazione di Rosseti e Beretta. Il giovane Di Francesco, classe 2001 di rientro dal prestito biennale nel settore giovanile della Juve, sarà aggregato alla prima squadra fin dal ritiro di Cascia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *