Bellini a Rai Sport: «Non sono qui per la fama, già calcolato l’investimento»

Il presidente intervistato da Luca Cardinalini

0 51

bellini raisport1Idee chiare, anzi chiarissime. «Per tornare in Serie B ci vorranno tre anni e un investimento di 10 milioni di euro». Parole e musica del nuovo presidente dell’Ascoli Picchio Francesco Bellini, intervistato dal giornalista Rai Luca Cardinalini mercoledì scorso. Al nuovo condottiero bianconero è stato dedicato un servizio andato in onda questo pomeriggio all’interno del consueto appuntamento del lunedì con la Lega Pro su Rai Sport 1.

L’AMICIZIA – In studio era presente il presidente del Teramo Luciano Campitelli il quale ha confidato di conoscere il suo collega ascolano. «Bellini è mio amico – ha detto prima del servizio – e ci conosciamo molto bene. La scorsa estate ci siamo visti spesso a cena. L’Ascoli con lui ha trovato un grandissimo presidente. Ascoli è una piazza importantissima con tanti campionati di A e di B alle spalle e Bellini può ridare lustro alla società. Gli auguro di fare bene e tornare a quei livelli ma il prossimo anno quando giocheremo contro, voglio vincere».

CELEBRE IN CANADA – Il servizio è cominciato con le immagini delle migliaia di tifosi bianconeri che si radunarono lo scorso 6 febbraio, giorno dell’asta che ha assegnato la società a Bellini, davanti al tribunale. Un riferimento anche alla passata gestione: è stata rimarcata l’omonimia tra il vecchio proprietario Roberto Benigni e il celebre comico toscano. Ma l’esperienza è stata «più un dramma che una commedia divertente per la tifoseria» sottolinea Cardinalini. Poi le telecamere sono tutte per lui, il presidente venuto dal Canada a salvare l’Ascoli. Bellini afferma di essere poco conosciuto nella sua terra natale mentre non è affatto così dall’altra parte dell’oceano perché «la mia società ha portato sul mercato il prodotto più venduto al mondo per combattere l’Aids. Sono stato intervistato dalla Cnn, Abc e da tutti i giornali».

L’INVESTIMENTO – Poi il giornalista gli chiede quanto è difficile essere profeti in patria. Bellini risponde con la solita chiarezza che lo contraddistingue e che gli ascolani hanno già imparato ad amare: «Non sono venuto qui per la fama e nemmeno per i soldi. Sono qui per far ripartire qualcosa di cui gli ascolani e tanti marchigiani vanno fieri. Ho già calcolato quanto devo investire e lo investirò ma l’importante è lavorare portando le persone giuste all’interno della società».

I PROBLEMI – Il presidente ha ripercorso poi i primi giorni da presidente: «L’inizio è stato davvero emozionante, c’era gente che mi toccava e piangeva. Però non è stato facile quando ho visto cosa c’era dentro e non mi riferisco al parco giocatori. Ci sono dei problemi più stringenti che riguardano le infrastrutture e che per me sono più difficili da risolvere. Mi riferisco ai campi di allenamento sia della prima squadra che delle giovanili». Niente di nuovo in pratica.

IL SETTORE GIOVANILE – «Il futuro di questa squadra – ha continuato Bellini ribadendo l’importanza del vivaio – passa necessariamente per le giovanili. Da questo territorio sono sempre usciti buoni giocatori. Magari sarà proprio questo il modo migliore per ripartire». Poi la rivelazione che conferma il piano a lungo termine tanto decantato. L’obiettivo è il ritorno in Serie B ma «ci vorranno 3 anni e 10 milioni di euro». Le cose insomma andranno fatte nella maniera migliore e con una programmazione ottimale.

L’ESONERO – Infine si fa riferimento all’esonero di Bruno Giordano avvenuto il giorno dopo la registrazione dell’intervista. «Le persone solitamente lavorano con me per molto tempo» dice Bellini e il giornalista quasi lo giustifica specificando che il tecnico romano era stato contattato dalla vecchia proprietà e non da lui, insomma «ce l’aveva trovato». Da studio, dopo il servizio, la conduttrice Arianna Secondini ha lanciato le immagini della partita di ieri contro il Catanzaro e ricordato la diretta su Rai Sport dell’anticipo di venerdì prossimo che metterà di fronte l’Ascoli di Flavio Destro al Lecce di Lerda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *