Ascoli, vietato fermarsi

Un gruppo granitico e il ritrovato entusiasmo per raggiungere un traguardo ancora lontano

0 168

Foto Ascoli Picchio 1898 fc

Ancora la strada è lunga e tortuosa, guai illudersi che il più sia fatto. Ma un mese fa immaginarsi una classifica del genere era un sogno, e il ritrovato entusiasmo potrebbe rivelarsi l’arma vincente nella volata salvezza. Mentre altre squadre abituate a una zona più confortevole si sono arenate nelle secche di una lunga crisi, noi è da inizio stagione che conviviamo con una situazione precaria. E, nel rush finale, anche questo differente aspetto psicologico potrebbe fare la differenza.

Scrollatosi improvvisamente di dosso ansie e paure, l’Ascoli è tornato a correre. Ma soprattutto a sgomitare e lottare, come si addice a una squadra che vuole prepotentemente mantenere la categoria. Un gruppo che aveva un grosso bisogno di leader a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà, ma giocatori di forte carisma non erano contemplati nella lista della spesa di Maresca. Relegato praticamente ai margini dal problema al cuore e dal progetto tecnico, Andrea Mengoni era stato  ripescato da Cosmi ma subito messo ko da un serio infortunio alla caviglia. E costretto a ricominciare da capo, gradualmente.
Il suo rientro – coi gradi di capitano – unito agli innesti di Agazzi e Cherubin è riuscito ad accendere la miccia. Tre uomini di grande carattere, la cui esperienza ha trainato anche pedine importanti come Buzzegoli e Padella. Fino a cementare un gruppo che dall’esterno adesso pare granitico. Basta guardare le immagini delle esultanze, con tutti, ma proprio tutti, in campo ad abbracciare i compagni.

Il vento è cambiato sotto le cento torri. Adesso si spinge tutti nella stessa direzione. Per un cocktail esplosivo con i giocatori in campo e un tifo clamoroso dagli spalti. Anche se qualche lieve diffidenza reciproca permane, scoria dei recenti screzi tra squadra e pubblico. Ma per il momento va bene così, come ha spiegato Mengoni ai microfoni in sala stampa. Ci sarà tempo per riappacificarsi totalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *