Ascoli-Chievo: rinvio o porte chiuse

Nuovo decreto della Regione: da domani vietate manifestazioni pubbliche

0 114

L’estendersi dei contagi del coronavirus anche nelle province di Ancona e Macerata ha convinto il governatore della Regione Marche Luca Ceriscioli ad emettere una nuova ordinanza, sospendendo attività didattiche e manifestazioni pubbliche dalla mezzanotte di stasera fino all’8 marzo compreso su tutto il territorio regionale. Di conseguenza la disputa di Ascoli-Chievo – primo posticipo della 27^ giornata in calendario stasera – prevista per le ore 18,50 di domani è a forte rischio. Se si giocherà lo si dovrà fare a porte chiuse, dopo aver consultato Lega B e autorità competenti.
Nel frattempo sono 24 i giocaotri convocati da Stellone e in ritiro già da ieri alla Corte del Sole con l’intento di superare il delicato momento. Oltre allo squalificato Gravillon e ai lungodegenti Beretta, Ranieri e Rosseti, indisponibile anche Sankoh, alle prese con una fastidiosa laringite. La direzione di gara è stata affidata all’esperto Eugenio Abbatista della sezione di Molfetta, con l’ausilio degli assistenti Pagnotta e Saccenti e del quarto ufficiale Dionisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *