Col Foggia suggestiva cornice di pubblico

Prevendita a gonfie vele per domenica. Situazione delicata per entrambe le squadre

0 370

Vista la sosta della serie A – dovuta al doppio impegno della nazionale nel play off contro la Svezia per la qualificazione ai mondiali di Russia 2018 -, il campionato cadetto troverà eccezionalmente la sua collocazione nel pomeriggio di domenica. Al Del Duca la gara con il Foggia avrà una cornice particolarmente suggestiva. Annunciato l’esodo dei tifosi ospiti, attualmente arrivati a circa 3mila, ma anche in casa bianconera c’è fermento. Curva sud già esaurita dalla serata di mercoledì, terminati anche i settori distinti nord/ovest superiore e poltroncine gialle. La prevendita prosegue a ritmo forsennato.
Entrambe le squadre cercano una vittoria che permetterebbe di accantonare i problemi con cui si sono trovate forzatamente a convivere in settimana. Il Foggia dopo il ribaltone interno con la Cremonese (dal momentaneo 2-0 al definitivo 2-3) ha vissuto una vera e propria burrasca societaria, con l’esonero del ds Di Bari e le dimissioni del dg Colucci. Ma anche ad Ascoli il clima è teso, con il botta e risposta gruppi organizzati/società attraverso i rispettivi comunicati.
Nemmeno sul fronte squadra la situazione è semplice. Ai già infortunati Mignanelli (martedì sarà sottoposto a intervento chirurgico ad Arezzo) e Padella, presumibilmente si aggiungerà Buzzegoli, che nella seduta di ieri ha accusato un problema di natura muscolare. Potrebbe scoccare l’ora di Castellano. D’Urso è atteso oggi di ritorno dall’under 20. Rosseti e Santini si contendono il posto lasciato vacante da Favilli (convocato in under 21) mentre Baldini si candida al rientro dopo l’infortunio. Nonostante il recupero di Gigliotti da una lieve sindrome influenzale, i problemi maggiori si presentano in difesa dove né Mengoni né De Santis in questo momento convincono appieno lo staff tecnico. Sulla corsia sinistra Cinaglia favorito su Pinto. Alla rifinitura in programma domattina a porte chiuse il compito di sciogliere gli ultimi dubbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *