Al Bonolis in casa, troppo Ascoli per il Teramo

Giovannini e un doppio Bangal schiantano gli abruzzesi. Oltre 700 tifosi in trasferta

0 77

teramo ascoli2Le risposte che cercava. Mister Petrone può essere più che soddisfatto dalla prestazione della sua squadra al Bonolis di Teramo. L’Ascoli B (dei titolari in campo solo Mengoni) ha asfaltato il Teramo chiudendo la contesa in appena 27 minuti. La gemma balistica di Bangal che è valsa il triplo vantaggio prima della mezz’ora ha fatto scorrere i titoli di coda sul sedicesimo di Coppa Italia. L’Ascoli nel prossimo turno se la vedrà con la vincente di Casertana-Benevento.

GIOIA LION – Appena Fiorini di Frosinone dà avvio alle danze, i bianconeri iniziano a spingere forte sull’acceleratore. Già dopo 90 secondi Bangal sfiora il vantaggio su iniziativa di Giovannini, la sua capocciata è imprecisa e termina alta. Al 12’ l’Ascoli è già avanti. Lancio perfetto dal cerchio di centrocampo di Pelagatti per Giovannini. L’esterno di Castel di Lama è glaciale e con un morbido esterno destro fulmina Serraiocco. Primo gol in bianconero per il 19enne cresciuto nel vivaio. Festeggiamento d’obbligo sotto il settore ospiti, di fronte alla sua gente, e maglietta mostrata in memoria di Cecco.

SUPER BANGAL – Al 24’ ancora lui, Giovannini, scherza Masullo sulla fascia, e offre un palla d’oro a Bangal. Il mozambicano non può far altro che spingere dentro di testa. Passano 4 minuti e il centravanti si inventa un altro gol, stavolta da campione. Intercetta un disimpegno errato degli abruzzesi e da 30 metri lascia partire un missile che si infila dritto all’incrocio. Rete meravigliosa e dominio totale dell’Ascoli, schierato con Giovannini, Margarita (all’esordio) e Ruggiero (un paio di tentativi infruttuosi) alle spalle di Bangal (nella ripresa vicino anche al gol di tacco, sarebbe stato troppo). La cerniera di centrocampo è formata da Gualdi e Carpani mentre dietro i terzini sono Barison a destra e il jolly Pelagatti a sinistra.

L’ASCOLI HA GIOCATO IN CASA – La prima conclusione in porta del Teramo arriva al minuto 65. Ragni si distende e respinge il tiro di Scipioni. Vivarini fa entrare Lapadula e l’attaccante ex Cesena sfrutta un malinteso Cinaglia-Ragni e con un pallonetto accorcia le distanze. Prima del fischio finale Mengoni si guadagna il rosso per un intervento giudicato troppo duro ai danni dello stesso Lapadula. Finisce 1-3, migliori in campo Giovannini, Bangal e gli oltre 700 tifosi bianconeri accorsi in massa al Bonolis per una partita di Coppa. Gli ascolani erano più dei teramani. Chapeau.

TERAMO-ASCOLI 1-3 (primo tempo 0-3)

MARCATORI: 12’ Giovannini, 23’ Bangal, 27’ Bangal, 31’ st Lapadula

TERAMO (4-5-1): Serraiocco; Brugaletta (27’ st Mancini), Scipioni, Perrotta, Masullo; Langellotti (33’ pt Maresca), Miocchi (17’ st Lapadula), Lulli, Pigini, Di Paolantonio; D’Egidio. A disp. Narduzzo, Di Martino,  Tini, Fratangelo. All. Vivarini.

ASCOLI (4-2-3-1): Ragni; Barison, Cinaglia, Mengoni, Pelagatti; Gualdi (21’ st Iotti), Carpani; Giovannini, Margarita, Ruggiero (43’ st Addae); Bangal (27’ st Minnozzi). A disp. Lanni, Mustacchio, Chiricò, Perez. All. Petrone.

ARBITRO: Fiorini di Frosinone

NOTE: ammoniti Miocchi, Masullo, Bangal, Lapadula, espulso al 41’ st Mengoni per intervento falloso su Lapadula, recuperi 1’ pt + 4’ st, spettatori 1.292 dei quali circa 700 arrivati da Ascoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *