A Padova partita estremamente delicata

Momento difficile a livello psicologico ma la squadra è viva. Convocati in 22

0 106

La reazione rabbiosa c’è stata, seppur non sufficiente a cogliere il bottino pieno. Dilapidato ancora una volta il vantaggio, come troppo spesso accaduto in questo girone di ritorno in cui l’Ascoli denota una fragilità difensiva e mentale che in quello di andata non aveva mai mostrato. La squadra è in difficoltà, eppure la piazza – nonostante il tifo encomiabile e incessante della curva sud nella gara contro il Benevento – continua a mugugnare, faticando ancora a metabolizzare la figura meschina di Lecce.
Ma il rischio di venire risucchiati nelle sabbie mobili si fa alto, e senza l’unità d’intenti il fattore si alza. Da questo punto di vista un’importanza fondamentale è rivestita dall’impegno di domani sul campo del Padova. I biancoscudati spareranno le loro ultime cartucce alla ricerca di una salvezza sempre più difficile, dopo ben tre avvicendamenti tecnici. Per loro sarà la partita della vita, ma l’Ascoli non potrà farsi sorprendere.
I bianconeri sono costretti ad una massiccia rotazione a causa di squalifiche (Brosco, Troiano e Ardemagni) e infortuni (D’Elia, Beretta) ma le alternative a disposizione di mister Vivarini sono comunque di buona qualità.
La squadra è già partita in ritiro anticipato, alla ricerca dell’approccio giusto. Si giocherà domani sera, martedì, con inizio alle ore 21. Arbitro sarà Pezzuto della sezione di Lecce, con l’ausilio degli assistenti Margani e Marchi e del quarto ufficiale Volpi.
La lista dei diffidati si è parecchio sfoltita con le squalifiche cumulative di queste ultime due giornate. Vi rimangono Beretta e Cavion, a cui si è aggiunto capitan Padella, ammonito dalla panchina per un diverbio col giocatore avversario Caldirola.

Ecco la lista integrale dei 22 convocati:
Addae, Andreoni, Bacci, Baldini, Casarini, Cavion, Chajia, Ciciretti, Coly, Frattesi, Ganz, Iniguez, Lanni, Laverone, Milinkovic Savic, Ninkovic, Padella, Quaranta, Rosseti, Rubin, Scevola, Valentini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *